All’Arechi uno striscione per Salvatore

Scritto da , 22 novembre 2013

Il rione “Carmine” si stringe accanto a Salvatore Ciancia, il giovane che da sabato sera lotta per la battaglia più importante all’Ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona, dopo un’aggressione con arma da taglio in Via Giuseppe De Caro.Il 37 enne, colpito con due coltellate che hanno provocato lesioni importanti agli organi interni, sta ricevendo grandi attestazioni di affetto da parte dei suoi tanti amici e dagli abitanti della popolosa Via Salvatore Calenda, sconvolti per quanto accaduto. Lunedì, nella chiesa di San Gaetano, il rione si è riunito in preghiera. Intanto la prevendita per domenica prosegue a rilentoi numeri registrati sin ora non sono in linea con quella che è l’importanza della partita contro la capolista: alle ore 20, sono circa 350 i tagliandi staccati presso le ricevitorie Lottomatica abilitate, con netta maggioranza per il settore curva Sud ed una discreta risposta anche da parte di tante donne che usufruiranno della bella iniziativa indetta dalla proprietà (la Salernitana scenderà in campo con una maglietta riportante uno slogan atto a sensibilizzare la tifoseria sul tema del femminicidio). A partire da oggi si attende la consueta impennata e c’è un dato che induce all’ottimismo: in media, tra la giornata del sabato e la mattina della domenica, vengono venduti 3500 biglietti, numeri che lasciano presagire la presenza di almeno 8mila spettatori sugli spalti pronti a spingere la Salernitana alla conquista di una vittoria casalinga che, sul campo, manca ormai da 3 mesi. In tribuna autorità sarà presente anche un ex particolarmente amato, l’attaccante Edoardo Artistico che ha indicato nel pubblico l’arma in più capace di far pendere l’ago della bilancia in favore dei padroni di casa: “Sarà una gara tosta, ma la Salernitana avrà dalla sua il sostegno del pubblico e di una curva capace di trascinarti come poche altre in Italia” ha dichiarato il bomber ex Salernitana. Prevista una calorosa accoglienza per Carrus e Aurelio, tra coloroi che sfiorarono l’impresa nell’ultimo anno dell’era Lombardi. (g.f.)

Consiglia

Cronaca

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->