Alla ricerca del suono del futuro

Scritto da , 10 maggio 2016

Abbiamo incontrato in esclusiva Jamie Bullock e Balandino Di Donato nel corso della loro masterclass svoltasi al Conservatorio Statale di Musica “G.Martucci”

Di CHIARA AMICI

Nella sala Concerti del Conservatorio “Giuseppe Martucci” di Salerno, svolta una masterclass di James Bullock, voluta dalla docente Silvia Lanzalone, con la partecipazione di Balandino Di Donato, dedicata all’illustrazione e alla pratica di un particolare software, messo a punto presso il conservatorio di Birmingham, prestigiosa ouverture al Festival di Elettroacustica che si svolgerà in autunno. Abbiamo incontrato in esclusiva i due docenti

Cosa è Integra Lab, come è nato e come è nato il progetto Integra Live. Quali sono le motivazioni?

Integra Lab è gruppo di ricerca basto su principi di music interaction design con sede a Birmingham Conservatoire, parte della Birmingham City University. Integra Live è stato originariamente sviluppato come parte del progetto Integra sostenuto dal programma Cultura 2007-2013 dell’Unione europea e nasce da un’idea di Luca Francesconi e Lamberto Coccioli per sviluppare nuovi strumenti facilmente usabili da musicisti per la produzione di musica elettronica. Il software è ampiamente utilizzato nell’ istruzione come anche nella produzione musicale aprendo nuove possibilità per coloro che cercano un punto di ingresso nel sound design interattivo. La Integra Lab è stato creato nel 2009 come spin-off del progetto Integra. L’obiettivo Integra Lab è quello di trasformare la creatività permettendo alle persone di esplorare il suono e la musica attraverso tecnologie e strumenti facili da usare. La nostra ricerca riunisce tecnici, designer e musicisti con l’obiettivo di trasformare la creatività umana attraverso approcci di progettazione guidata da tecnologie musicali. Essendo stato ideato in uno dei Conservatori leader in Europa, lavoriamo a stretto contatto con i compositori, interpreti, artisti del suono e DJ digitali per produrre musica di classe mondiale e sound design.

Maestro Di Donato come ha conosciuto Bullock e in cosa consiste il tuo lavoro di ricerca a Birmingham

Ho incontrato Jamie Bullock nel giugno 2013 all’ Integra Lab grazie al progetto Working With Music, che mi ha permesso di lavorare sette mesi allo sviluppo di nuovi moduli per Integra Live e ed il suo debug. Mentre lavoravo a Integra Live il Dr. Bullock mi ha offerto un posto come studente di dottorato e ho accettato volentieri. Da allora sto lavorando sulla mia ricerca, così come ai progetti del laboratorio. Il mio lavoro di ricerca è focalizzato sulla spazializzazione del suono dal vivo attraverso gesti già conosciuti dal performer, in particolare considerando la beatboxing performance.

Quali sono gli altri progetti e il lavoro di Bullock?

Sono interessato a comprendere la natura fondamentale della creatività, e l’utilizzo di questa conoscenza per sviluppare sistemi digitali che consentono ed amplificare espressione umana attraverso il suono. Sono particolarmente interessato a coniugare macchine learning, sistemi visuali avanzati, l’interazione a mano libera e feedback tattile per un approccio alla trasformazione del suono molti vicini all’uomo. Esempi di miei progetti attuali includono ml.lib, una biblioteca di machine learning per Max e Pure Data , Integra Live e LibXtract , una libreria estrazione di caratteristiche audio. La Integra Lab ha una gamma di progetti attivi, tra cui: sviluppo di interfacce con feedback tattili e visivi per ascoltare i musicisti con disabilità; sistemi per immersive sound design utilizzando il input 3D e aspetti visivi; sound-oriented virtual reality ; strumenti aumentati; e interfacce gestuali per spazializzazione del suono.

Quali sono i frutti del lavoro nell’ambito della musica elettronica e che progetti futuri si stanno aprendo?

Il software Integra Live ha ricevuto oltre 25.000 download e viene usato nelle istituzioni di insegnamento in tutto il mondo, tra cui: Conservatorio di Parigi, Università di Montreal, San Jose State University, Università di Plymouth, per l’insegnamento e la performance di musica elettronica dal vivo. I ricercatori del laboratorio hanno pubblicato ampiamente e suonato in festival internazionali e workshop consegnati in tutta Europa, Brasile, Cina e Stati Uniti. I progetti futuri includono l’ulteriore sviluppo del concetto di sound design immersivo utilizzando tecnologie touch-free e tattili, e forse un Integra Live “versione 2”!

Consiglia