Alfieri e Coscioni, pronti gli incarichi

Scritto da , 13 luglio 2015
image_pdfimage_print

di Andrea Pellegrino

In settimana dovrebbe arrivare una nuova convocazione del Consiglio regionale. All’ordine del giorno ci saranno le composizioni delle varie commissioni. Da questa mattina, dunque, gruppi al lavoro per comporre il nuovo scacchiere interno all’Assemblea, dopo la formazione dell’ufficio di presidenza dell’assise regionale. Il metodo utilizzato dovrebbe essere proprio quello collaudato durante il primo Consiglio. Asse, dunque, con l’opposizione ed in particolare con Forza Italia per le presidenze ed “isolamento” del Movimento 5 Stelle. Tra salernitani accreditati per un posto di vertice all’interno della commissioni, c’è sicuramente Franco Picarone, gruppo Pd, che potrebbe ambire alla presidenza della commissione attività produttive. Per Luca Cascone, invece, gruppo De Luca presidente ci sarà almeno un posto della commissione trasporti. Un ruolo dovrà esserci anche per l’Unione di Centro di De Mita. Ed in tal senso attende e spera la giovane consigliera Maria Ricchiuti. Chiusa la partita con i socialisti, con Maraio eletto nell’ufficio di presidenza, resta da posizionare Campania Libera. Ma le trattative, nelle prossime ore, potrebbero posizionare le giuste pedine sull’ampio scacchiere. A Palazzo Santa Lucia, intanto, il presidente Vincenzo De Luca dovrà completare il suo ufficio di staff. Si dice che per l’incarico di capostaff sia in vantaggio Nello Mastursi, seppur in corsa ci sarebbe sempre l’assessore al bilancio Alfonso Buonaiuto. Poi ci sono gli altri due consiglieri politici da nominare, così come annunciato direttamente dal governatore durante la presentazione della giunta regionale. Ma le nomine sarebbero strettamente collegate alle decisioni del Governo sulla sanità. In pratica sulla nomina di un commissario straordinario. De Luca avrebbe già avvertito Renzi e alla sanità vorrebbe un suo fedelissimo. Come, ad esempio, Enrico Coscioni, ex consigliere regionale (non rieletto in Campania Libera). Se non dovesse spuntarla per Coscioni ci sarà comunque un posto di rilievo all’interno del governo o del sottogoverno di Vincenzo De Luca. Ad agosto, infatti, c’è da rinnovare un bel pò di vertici delle Asl. Nonché il vertice aziendale dell’ospedale “Ruggi d’Aragona” (e si parla di un docente universitario) e dell’Arpac. Da sciogliere il nodo Franco Alfieri, sindaco di Agropoli, escluso (per il suo procedimento penale in corso) dalla liste del Pd all’ultimo momento. Per lui si pensa la presidenza della nascente Autorità portuale unica.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->