Al setaccio le attività di Giovanni Citarella

Scritto da , 28 Ottobre 2012
image_pdfimage_print

Inchiesta serrata della guardia di finanza di Salerno e dalla procura nocerina su Giovanni Citarella. I finanzieri del tenente colonnello Mancazzo e il pm Roberto Lenza stanno vagliando le dichiarazioni rese dal patron della Nocerina calcio che si era presentato, lunedì scorso, in compagnia del suo legale, l’avvocato Michele Sarno, negli uffici del magistrato inquirente. Il presidente molosso aveva salito le scale del palazzo di giustizia di Nocera Inferiore per rispondere alle domande degli inquirenti. Il pm Lenza e i finanzieri del nucleo di polizia tributaria di Salerno, infatti, stanno indagando su un giro di evasione fiscale in provincia di Salerno, che sarebbe di notevoli dimensioni. Citarella avrebbe risposto alle domande del sostituto procuratore Lenza, durante una lunga “chiacchierata”. Gli inquirenti vogliono vedere chiaro anche nel bilanci delle varie società  dell’imprenditore nocerino, compreso quelli della Nocerina calcio, la squadra di cui è presidente Citarella.Al setaccio da parte della Procura di Nocera Inferiore e della Guardia di Finanza di tutte le attività dellimprenditore edile Giovanni Citarella. Quest’ultimo infatti ha investimenti in vari settori e recentemente ha anche aperto una struttura alberghiera “Il?park Hotel” a Mercato?San?severino.  Per il momento, è bene ricordarlo, al patron rossonero non è stata mossa nessuna contestazione dettagliata. Quanto emerso dal suo interrogatorio continua ad essere oggetto di ulteriori approfondimenti da parte degli inquirenti. Un’inchiesta, questa della procura di Nocera Inferiore, che potrebbe allargarsi e far tremare in tanti, anche persone non dell’Agro nocerino e che non hanno nulla a che fare con il patron rossonero.
Bisogna sempre ricordare che operazioni che contano notevoli somme di denaro sono possibili solo con il coinvolgimento di professionisti di buon livello che si trasformano in consiglieri se non architetti delle operazioni stesse. Ecco perché l’inchiesta del pm Lenza non sta facendo dormire sogni tranquilli a molte persone, soprattutto a chi ha visto nell’esportazione all’estero di ingenti capitali un’occasione per frodare il fisco o per facili guadagni professionali. E’ probabile, insomma, che non mancherà chi si presenterà agli inquirenti per offrire spontaneamente la propria collaborazione nell’inchiesta che si sta svolgendo in queste ore alla procura nocerina, onde evitare di essere coinvolti o chissà vedersi notificare una misura cautelare.Va rammentato, inoltre, che l’evasione del fisco ha uno strumento operativo valido, da anni, proprio nel settore sportivo, dalla sponsorizzazione delle corse in auto alle squadre di calcio. Nei prossimi giorni si possono prevedere ulteriori e importanti novità.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->