Al Crescent restano i sigilli: no al dissequestro

Scritto da , 4 luglio 2015
image_pdfimage_print

No del Tribunale al dissequestro del Crescent. I giudici della seconda sezione penale hanno respinto l’istanza presentata dai costruttori Rainone e disposto che all’emiciclo di Bofill restino i sigilli. Lunedì saranno depositate le motivazioni del provevdimento, che secondo le indiscrezioni potrebbero fondarsi sul reato ambientale contestato dai pubblici ministeri. I lavori per la costruzione degli appartamenti non potranno quindi riprendere, nonostante il via libera dato dalla Soprintendenza al nuovo progetto, che prevedeva tra l’altro una riduzione in altezza e l’eliminazione delle due torri.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->