Al Convento dei Cappuccini uno spazio sociale medico-legale

Scritto da , 10 luglio 2017

di Andrea Pellegrino

«Una medicina uguale per tutti con uno spazio sociale medico – legale a Piazza San Francesco». Questa l’idea presentata nel corso del convegno “Popoli in movimento: diritti, accoglienza ed integrazione”, promosso da Rifondazione Comunista giovedì scorso al Convento dei Cappuccini a Piazza San Francesco. Ed è proprio negli spazi dei Frati Cappuccini che sorgerà lo “Spazio sociale medico – legale” (Sap). Ma ora c’è bisogno di recuperare fondi per la ristrutturazione, l’adeguamento e l’allestimento degli spazi messi a disposizione dal Convento. I responsabili sono Franco Musumeci e Vincenzo Benvenuto che seguono passo dopo passo il progetto ma i contributi sono molteplici.
Ma ecco di cosa si tratta. «Lo Spazio Sociale di ascolto Medico-Legale, vuole essere uno spazio auto-organizzato che nasce dall’incontro di varie professionalità, nello specifico medica e giuridica; medici e avvocati cioè, che come volontari delle associazioni Antigone, Agorà, Sos Solidarietà onlus, hanno avvertito l’importanza di uscire dalla torre eburnea dei loro gabinetti scientifici e dei loro studi legali, nella convinzione che una legge e una medicina giuste e accessibili a tutti rappresentino il primo passo di un diritto alla cittadinanza finalmente pieno e inclusivo.
Grazie alla disponibilità non solo materiale dei Frati Cappuccini, lo Sap vuole declinare in maniera fattiva il precetto universale della comunione e della fratellanza tra gli esseri umani, avendo come stella polare la missione di “servire il popolo”». «Se “far quadrare i conti” è ormai diventato il solo imperativo categorico della politica nazionale, lo Sap si oppone strenuamente a questo dogma capitalistico e risponde alla richiesta di salute collettiva sostenendo il modello dei consultori, per un sistema medico pubblico, capillare e gratuito». I punti di forza dello Sap saranno, quindi: «Facilitare l’incontro medico/paziente per ripristinare il rapporto “umano” usurato dalla società neoliberista, dando giusto valore al concetto di malattia E Promuovere attività di monitoraggio ambientale con valutazione medico-legale dei danni secondari a difesa dell’ambiente “bene collettivo”, in ossequio al monito del Santo Padre (“Se distruggiamo la natura, la natura ci distruggerà”)».

Consiglia

Lascia un commento

Puoi eseguire il login con Facebook

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per completare inserire risultato e prosegui * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.