Agroinvest: il capolavoro di Piero De Luca

Scritto da , 9 Settembre 2015
image_pdfimage_print

di Tommaso D’Angelo

Mentre il centrodestra dorme sonni tranquilli, Piero De Luca mette a segno un colpo da maestro destinato a cambiare il volto del partito e della politica dell’Agro Nocerino fin da subito. La nomina di Felice Ianniello al vertice di Agroinvest è il primo passo per una ristrutturazione del Pd in una zona ad alta densità di centrodestra. De Luca jr lo ha fatto tirando a sè il sindaco Torquato che a parte le battute su Fb si sta avvicinando, anzi abbracciando, oltre la moglie, anche il Pd. Una proposta, quella di Felice Ianniello passata all’unanimità, nonostante la presenza di sindaci di centrodestra e che permette anche alla Provincia di cogliere il suo primo risultato politico. Ma è solo il primo passo: entro l’anno sarà assorbito il Patto territoriale e dal 2016 nascerà l’agenzia unica per lo sviluppo dell’Agro-Nocerino. Un’autentica macchina da guerra che punta al pieno sfruttamento dei fondi per rilanciare il territorio. Un ottimo risultato politico per il Pd che fa entrare nella propria orbita sindaci come Torquato e Cuofano, che gode di un appoggio esterno come quello di Aliberti e punta decisamente su Pagani dove anche Bottone sogna buone nuove. Un lavoro, quello di Piero De Luca, fatto in silenzio e durato un paio di mesi. Bisogna riconoscere che ha portato a casa un ottimo risultato. L’elezione di Felice Ianniello, infine, è la dimostrazione dell’incapacità di governo del centrodestra e l’assoluta inconsitenza sul territorio provinciale.

 

in edicola oggi su Le Cronache

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->