Addio a Valiante, signore della Politica

Scritto da , 8 Gennaio 2019
image_pdfimage_print

di Andrea  Pellegrino

Le voci si sono rincorse fino a sera. Antonio Valiante ha lottato tra la vita e la morte fino al tardo pomeriggio. Era ricoverato da qualche giorno in rianimazione all’ospedale di Vallo della Lucania. Nella mattinata di ieri un peggioramento netto delle sue condizioni di salute. Quasi 80enne, Antonio Valiante è stato uno dei personaggi di spicco della politica provinciale e regionale. Partito da Cuccaro Vetere, suo paese d’origine e di residenza, da sindaco ha scalato tutte le istituzioni fino ad arrivare alla vicepresidenza della Regione Campania, nell’era Bassolino. Nel 1994 è stato anche deputato con il Partito Popolare Italia che guidò anche a livello regionale dal ’97 al 2000. Più volte assessore e consigliere regionale, ha ceduto poi il testimone al figlio Simone, eletto deputato con il Partito democratico durante la scorsa legislatura. Nel 2014, Antonio Valiante, era stato premiato nella sua Cuccaro Vetere per i cinquanta anni di attività. Una festa che vide la partecipazione dell’allora ministro agli affari regionali Maria Carmela Lanzetta. Un amore smisurato per il Cilento – presentò una proposta di legge sulla provincia del Cilento – ed una amicizia con Angelo Vassallo. Con il sindaco pescatore, Valiante trascorse l’ultimo pomeriggio prima dell’omicidio. Nelle ultime ore, Vassallo parlò con l’allora vicepresidente della giunta regionale delle azioni imminenti che si dovevano mettere in campo per il rilancio del Parco del Cilento.

IL CORDOGLIO DI BASSOLINO

IL CORDOGLIO DI BASSOLINO «Antonio Valiante è stato un amministratore competente, un dirigente politico unitario, una brava e bella persona. Era profondamente legato al suo Cilento e aveva un giusto e positivo rapporto con la Capitale (come la chiamava), con Napoli. Abbiamo lavorato assieme per diversi anni – ricorda l’ex governatore della Campania – con reciproca stima e fiducia. Anche quando i rapporti tra Ds e Partito Popolare-Margherita prima e dentro il Pd poi si facevano difficili noi due abbiamo sempre mantenuto un forte rap
porto umano e personale. Con lui va via un pezzo della mia vita e grande è il dolore: un abbraccio affettuoso alla moglie Rosa ed ai figli». I funerali questo pomeriggio alle ore 15 a Cuccaro Vetere.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->