Addio a Luigi Giannattasio, storico militante antifascista

Scritto da , 13 Dicembre 2019
image_pdfimage_print

di Erika Noschese

La comunità antifascista di Salerno piange la prematura scomparsi di Luigi Giannattasio. Il presidente dell’Anpi, Associazione Nazionale Partigiani italiani della sezione Salerno si è spento ieri mattina, all’ospedale Ruggi d’Aragona. Affetto da un male incurabile contro cui ha lottato diversi anni, Giannattasio non ha mai abbandonato la sua lotta al fascismo, promuovendo invece i valori dell’antifascismo: la scorsa settimana, infatti, era in piazza Amendola per prendere parte al raduno delle Sardine. «Gigino il panda, così lo chiamavano molte persone», ricorda Angelo Orientale, presidente dell’associazione Memoria in Movimento che con il presidente dell’Anpi provinciale portava avanti questo cammino mirato a diffondere i valori antifascisti su tutto il territorio salernitano e non solo. «Il panda è un animale in via d’estinzione e lui era un po’ così, una persona che continuava a camminare verso la strada della militanza – ricorda ancora Orientale – Era un uomo testardo e la testardaggine ha sempre vinto. Con Luigi avevamo un rapporto di reciproco rispetto, nonostante aspri confronti che ci sono stati tra di noi, in diverse occasioni». Il presidente di Memoria in Movimento ricorda quando nel 2014 invitò Giannattasio alla prima “uscita pubblica” del Movimento antifascista: «Invitammo lui anche per riconoscergli l’impegno messo nella lotta al fascismo, ci ha insegnato tanto e noi continueremo su questa strada». “Con grande commozione riceviamo la notizia della scomparsa di Luigi Giannattasio, presidente dell’Anpi provinciale di Salerno. Un uomo di infinita e unitaria passione partigiana. Una perdita dolorosissima. Grazie caro Luigi per quanto hai generosamente donato alla nostra Associazione, alla memoria attiva della Resistenza”, ha scritto la direzione nazionale dell’Anpi che si stringe attorno al dolore della famiglia Giannattasio. Commoventi anche le parole del comitato provinciale: “Con Gigino Giannattasio l’Anpi perde un animatore instancabile, che ha profuso energie ed intelligenza nello sforzo di conservazione della memoria dei valori della Resistenza e dell’antifascismo. Per tutta la vita ha saputo spendersi per ciò che credeva giusto: difendendo i diritti degli ultimi e la costituzione, lottando contro la discriminazione in ogni sua forma e contrastando i rigurgiti antidemocratici”. L’Anpi Salerno intende portare avanti le sue attività nel segno del suo presidente: “Ricordarlo, per noi tutti, vorrà dire continuare un impegno cominciato insieme. Fedeli a questi ideali giuriamo di continuare a combattere, solidali e uniti”. Le esequie del compagno Luigi Giannattasio si terranno questo pomeriggio alle 15,30. La salma partirà dalla sala mortuaria dell’ospedale San Leonardo di Salerno e proseguirà presso la chiesa del rione Petrosino dove si terra l’ultimo saluto. “Il suo instancabile impegno per l’antifascismo e la difesa dei valori democratici e della Costituzione siano da esempio da imitare e continuare per le future generazioni. Da oggi noi tutti siamo più poveri”. Che la terra ti sia lieve, Luigi.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->