Abusi edilizi Salerno, udienza preliminare per De Luca

Scritto da , 8 luglio 2014

E’ stata fissata il 9 Ottobre prossimo, davanti al gup di Salerno Sergio De Luca, l’udienza preliminare per l’inchiesta su presunte irregolarita’ nella realizzazione del Crescent, il complesso urbanistico a mezzaluna progettato da Ricardo Bofil sul lungomare cittadino. Il cantiere del Crescent e’ sotto sequestro dal 19 novembre del 2013. Nell’inchiesta figurano 26 indagati, tra i quali il sindaco di Salerno Vincenzo De Luca. I reati contestati sono a vario titolo quelli di falso ideologico e violazioni urbanistiche e paesaggistiche. Per i pm Rocco Alfano e Guglielmo Valente, oltre al sindaco De Luca, devono andare a processo tre dirigenti comunali, due imprenditori edili e la giunta comunale del 2008. Al centro dell’inchiesta anche le procedure che hanno portato all’acquisizione dei diritti edificatori alla societa’ Crescent srl, inizialmente acquisiti dalla Cogefer, la prima societa’ vincitrice dell asta pubblica. I fatti risalgono al 2008 quando la Giunta comunale approvo’ il progetto firmato Bofill. L’opera, che comprende abitazioni, uffici, locali commerciali e box auto riuniti in un complesso architettonico articolato in sei settori, ha un volume di circa 90mila metri cubi, si estende su 300 metri ed e’ alta 30 metri, sovrastando la spiaggia di Santa Teresa. Nella udienza preliminare del 9 ottobre si presenteranno come parti offese il comitato No Crescent, Italia Nostra e Corrado Sallusto, titolare della Cogefer, l’azienda vincitrice in prima istanza del bando di gara.

Consiglia