A Paestum si lavora per l’edizione 2022 della Borsa del turismo archeologico

Scritto da , 25 Gennaio 2022
image_pdfimage_print

di Monica De Santis

Si lavora già per la BMTA XXIV edizione. La Regione Campania, la Città di Capaccio Paestum e il Parco Archeologico di Paestum e Velia annunciano infatti che l’edizione 2022 della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico, si svolgerà presso il Tabacchificio Cafasso, l’area archeologica e il Museo Nazionale, la Basilica di Capaccio Paestum da giovedì 27 a domenica 30 ottobre 2022. Ancora una volta obiettivo dell’iniziativa sarà quello di promuovere le destinazioni turistico-archeologiche, favorire la commercializzazione, contribuire alla destagionalizzazione e incrementare le opportunità economiche e gli effetti occupazionali. La Borsa è l’unico appuntamento al mondo che consente l’incontro delle Organizzazioni Governative, delle Istituzioni e degli Enti Locali con il business professionale, gli addetti ai lavori, i viaggiatori, gli appassionati, il mondo scolastico e universitario, i media. La BMTA si conferma un rilevante momento di approfondimento e divulgazione di temi inerenti il turismo culturale e la fruizione, gestione e valorizzazione dei beni culturali, un grande contenitore con 12 sezioni: ArcheoExperience, i Laboratori di Archeologia Sperimentale con le tecniche utilizzate dall’uomo per realizzare i manufatti di uso quotidiano; ArcheoIncoming, spazio espositivo e Workshop in qualità di Buyer dei tour operator specialisti del turismo archeologico per l’incoming verso le destinazioni italiane; ArcheoIncontri per conferenze stampa e presentazioni di progetti culturali e di sviluppo territoriale; ArcheoLavoro, orientamento post diploma e post laurea a cura delle Università; ArcheoStartup, presentazione di neo imprese per l’innovazione nel turismo culturale e nella valorizzazione dei beni culturali in collaborazione con Associazione Startup Turismo; ArcheoVirtual, Workshop e Mostra multimediale sulle applicazioni digitali e sui progetti di archeologia virtuale in collaborazione con ISPC Istituto di Scienze del Patrimonio Culturale del CNR; Conferenze in cui si confrontano Organizzazioni Governative e di Categoria, Istituzioni ed Enti Locali, Associazioni Culturali e Professionali; Incontri con i Protagonisti, il grande pubblico con i più noti Divulgatori culturali, Archeologi, Direttori di Musei, Accademici, Giornalisti; International Archaeological Discovery Award “Khaled al-Asaad”, il Premio alla scoperta archeologica dell’anno intitolato all’archeologo di Palmira; Premi “Antonella Fiammenghi”, “Paestum Mario Napoli”, “Sebastiano Tusa” alle personalità impegnate a favore dell’archeologia, del dialogo interculturale, del patrimonio sommerso e ai laureati con tesi sul turismo archeologico e sull’archeologia subacquea; Salone Espositivo, unico al mondo delle destinazioni turistico-archeologiche, su 4.000 mq; Workshop con i Buyer europei selezionati dall’ENIT e i Buyer nazionali di ArcheoIncoming e l’offerta del turismo culturale e archeologico.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->