A Nozze Melinda e Deborah: a Pontecagnano la prima unione civile

Scritto da , 20 ottobre 2016
unione_civile_battipaglia

“Sono davvero emozionato di sancire la prima unione civile della nostra Città celebrando questo immenso atto di amore. E’ un momento storico e stupendo per voi, ma anche per me, per l’Amministrazione e per la Comunità di Pontecagnano Faiano”. A ribadirlo il Sindaco Ernesto Sicaprima del sì tra Melinda Cataldoe Deborah Melella in una sala di Palazzo di Città gremita di familiari, amici della coppia e attivisti delle associazioni che tutelano i diritti degli omosessuali italiani. Dopo la lettura da parte del Primo Cittadino di quanto previsto dalla Legge n. 76 del 2016, l’unione tra le due donne, che hanno scelto il cognome comune Cataldo, è stata ufficializzata dalle firme sul registro comunale accompagnate dallo scambio delle fedi e dall’applauso dei tanti presenti. Melinda e Deborah hanno, inoltre, voluto condividere una dichiarazione di promessa d’amore.

 “Sono orgogliosoha dichiarato il Sindaco Ernesto Sica – di questa giornata che rappresenta un bel segnale di civiltà per il nostro Paese e testimonia, ancora una volta, l’impegno del nostro Comune per le pari opportunità e l’uguaglianza. Le istituzioni hanno il dovere di tutelare i diritti di tutti i cittadini e di applicare quanto prevede, nello specifico, la Legge Cirinnà, che, a mio avviso, è arrivata per giunta in ritardo rispetto all’evoluzione della società e alla necessità di salvaguardare le istanze di persone, anche dello stesso sesso, che intraprendono un percorso di vita insieme.

“Non si tratta ha concluso il Primo Cittadino di superamento o attacco ai valori che riteniamo tradizionali, ma di riconoscimenti che sono dovuti verso ogni forma d’amore. Tutte le tutele si possono e si devono conciliare e garantire così come, allo stesso tempo, mai e poi mai deve venire meno il sostegno forte, convinto e costante alle famiglie quali perni delle nostre Comunità”.  

“L’amore – hanno commentato Melinda e Deborah – è sempre amore, supera ogni ideologia e tabù, non pretende la condivisione di tutti, ma merita il massimo rispetto. Siamo davvero felici della nostra unione con l’auspicio che questa scelta possa anche incoraggiare altre persone che credono nell’amore e nel riconoscimento dei diritti degli omosessuali. Ringraziamo di vero cuore il Sindaco Ernesto Sica per le bellissime parole,Serena Ranieri di Italian Event Planners e il Presidente di Arcigay Salerno Ottavia Voza che ci hanno sostenuto passo dopo passo”.

Consiglia