A fuoco azienda rifiuti a Battipaglia

Un vasto incendio di rifiuti si e’ sviluppato nel primo pomeriggio all’interno di un’azienda che stocca rifiuti speciali non pericolosi nella zona industriale di Battipaglia¬† Alta la nuvola di fumo nero che si e’ levata, bene visibile anche da lontano. “Si tratta – ha commentato il sindaco di Battipaglia Cecilia Francese – di un atto irresponsabile da parte del privato che quest’amministrazione non esitera’ a denunciare. Il Comune ha messo in campo ogni azione preventiva affinche’ questo non accadesse. E’ possibile, infatti, reperire sul sito l’ordinanza di smaltimento e bonifica. A giugno il soggetto responsabile New Regeneral Plast, dopo diversi cambi di proprieta’, ha chiesto un’ulteriore proroga – negata dagli uffici – per rimuovere i rifiuti immediatamente avviando contestualmente la procedura art. 242 del codice dell’ambiente con trasferimento per competenza alla Provincia e Regione affinche’ venissero attuate immediatamente misure di prevenzione, di ripristino o di bonifica. Avevamo gia’ messo in campo quanto necessario. E’ grave che un privato investito di responsabilita’ non dia seguito e ci costringa a ricorrere a Provincia e Regione. Ora basta – conclude Francese – va fermata la cattiva gestione, abbiamo fatto tempo fa gli atti dovuti verso questa azienda e procederemo con le denunce”. Forte la preoccupazione da parte del sindaco di Eboli, Massimo Cariello: “Si tratta del quarto incendio nel giro di un solo anno che si sviluppa all’interno della gestione privata dei rifiuti nel Comune di Battipaglia. I cittadini ebolitani sono allarmati ed io con loro, perche’ questi incendi stanno determinando un enorme danno soprattutto alle nostre colture agricole ed a tante abitazioni private sul territorio comunale. Chiedo ufficialmente al Comune di Battipaglia se in questo ultimo anno, visti i tanti e pericolosi incendi registrati, abbia operato interventi. Se, inoltre, siano stati fatti dei controlli e quali siano i risultati. Il pericolo potenziale e’ evidente, la preoccupazione dei cittadini e’ concreta, invito ufficialmente le autorita’ competenti ad intervenire urgentemente. Un danno del genere e’ inaccettabile. Occorre – conclude – controllare gestioni e flussi dei rifiuti, l’ambiente e la salute dei cittadini non possono essere penalizzati da un mancato controllo del territorio, chiediamo chiarezza”.