Fdi – An conferma la sua forza: «Siamo pronti per le regionali»

di Francesco Carriero La delusione di non avere raggiunto lo sbarramento del 4% alle europee non ferma Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale. Al contrario i dati, per i vertici del partito, che confermano la sua forza in provincia di Salerno, saranno il punto di partenza per le prossime regionali. Con questo spirito, nella mattinata di ieri, il presidente della Provincia di Salerno, Antonio Iannone assieme all’onorevole Edmondo Cirielli hanno fatto una rapida disamina dei dati emersi dall’ultima chiamata alle urne, che ha visto Innone in prima persona candidato per il parlamento di Bruxelles ed il partito coinvolto in diversi comuni con delle proprie liste. «A livello nazionale – ha spiegato il presidente della Provincia – abbiamo raddoppiato i nostri consensi rispetto alle scorse politiche. Rimane il rammarico di non aver superato la quota di sbarramento che rappresenta una anomalia tutta italiana. Sono stato personalmente, all’interno del partito, il terzo candidato come numero di preferenze, dietro al nostro leader Giorgia Meloni e a Gianni Alemanno. Abbiamo confermato la nostra forza sia in regione ma soprattutto in provincia, dove siamo riusciti a crescere di un punto percentuale mentre le altre realtà del centro destra perdono tantissimo terreno. Confermiamo anche la nostra bontà come amministratori vista l’elezione di Giovanni Romano a San Severino al primo turno e i tanti consensi ricevuti a Pagani, dove il nostro candidato è al ballottaggio, a Sarno, a Nocera e a Baronissi. Esserci confermati come il secondo partito della provincia deve essere la base per il duro lavoro che ci aspetta per le elezioni regionali, per far riconfermare Stefano Caldoro». Presente alla conferenza anche il “neo rieletto” sindaco Giovanni Romano: «Dal territorio si parte per costruire azioni politiche concrete e il nostro impegno nell’amministrare è ripagato dai risultati. Questo è stato il vero banco di prova prima delle regionali, nel corso delle quali potremo rivendicare il nostro ruolo di guida della destra, convincendo gli elettori a tornare a votare e riconquistando la loro fiducia, lavorando bene a livello locale». L’onorevole Cirielli ha voluto analizzare la situazione del centro destra a livello nazionale, dopo la vittoria schiacciante del Pd: «In tanti- ha dichiarato – anche a destra hanno scelto Renzi per evitare che i grillini prendessero il sopravvento e consentirgli di lavorare, Io stesso per il bene del Paese mi auguro che faccia bene. per ora abbiamo sentito tante parole e visto pochi fatti. Il nostro scopo è quello di rilanciare il centro destra, se Forza Italia vorrà allearsi con noi ed accetterà di far le primarie saremo più che contenti. Certo dovrebbero smettere di cantar vittoria dopo aver perso ben 8 punti a livello locale e dovrebbero aver una maggiore considerazione di Fratelli d’Italia. Dovrebbero ricordare che mentre amministravo la Provincia con il Pdl, alcuni degli attuali membri di Forza Italia trescavano con il sindaco De Luca». Ad una settimana esatta dal ritorno alle urne per i ballottaggi, non manca un’indicazione per gli elettori: «Nelle città – spiega – in cui non siamo direttamente coinvolti nella competizione, in assenza di accordi ufficiali, lasciamo la massima autonomia ai nostri elettori».




Tommaso Guariglia al camp organizzato da Nba e Fiba

di Giovanni Sapere

SALERNO. Arrivano grandissime notizie in casa Virtus per quanto riguarda il settore giovanile. Sono delle ultime ore due riconoscimenti importanti che nobilitano il lavoro svolto durante l’anno e nelle stagioni scorse. La prima notizia è la convocazione di Tommaso Guariglia al “Basketball without borders”, il camp organizzato dalla NBA e dalla FIBA che si svolgerà dal 2 al 5 giugno a Roma nelle strutture della Stella Azzurra. Si tratta di un evento di rilevanza mondiale, il culmine del programma di sviluppo della NBA a livello europeo, al quale sono stati convocati i 45 giocatori più promettenti dell’annata 1997 provenienti da 27 paesi europei, tra i quali 5 italiani. Parteciperanno al camp, in qualità di istruttori e dimostratori, Danilo Gallinari, Gigi Datome, Andrea Bargnani, Brandon Knight dei Milwaukee Bucks e Horford degli Atlanta Hawks. Tra le promesse azzurre, oltre a Guariglia, pivot di 205 centimetri del 1997 e pilastro della formazione Under 17 eccellenza rossoblù, ci saranno La Torre della Stella Azzurra Roma, Cattapan della Virtus Bologna, Pecchia dell’Olimpia Milano e Lusvarghi della Pallacanestro Reggiana. L’altra notizia importante è la partecipazione in qualità di relatore del responsabile del settore giovanile rossoblù Umberto Vezzosi, al clinic internazionale allenatori in programma nei giorni 28 e 29 giugno a San Patrignano – Coriano (Rimini). Il clinic, che avrà come tema “I Giovani, loro crescita e miglioramento” vedrà la presenza di Vezzosi insieme a Ettore Messina, Marco Crespi, Luca Banchi, Francesco Cuzzolin e Aleksandar Dzikic. Due grandissimi riconoscimenti per la società rossoblù, da sempre all’avanguardia in Italia nel lavoro sul settore giovanile.




Nocerina, crisi societaria: segnali contrastanti

di Filippo Attianese

Segnali contrastanti. Sono quelli che sono arrivati nelle ultime ore dal sempre vivace ambiente rossonero. Nella giornata di ieri sono apparsi in centro diversi manifesti nel centro cittadino, tutti recanti la stessa scritta: “Nocera vuole Mario Gambardella Presidente!!” Difficile capire chi sia stato l’autore dell’iniziativa, probabilmente qualche tifoso nostalgico; niente, però, fa presagire un cambio di posizione da parte dell’ex presidente dei molossi che ha già più volte ribadito di non volere più fare calcio e di avere ancor meno voglia di tornare al timone della Nocerina. L’episodio, però, è sintomatico del clima di attesa e confusione che regna nell’ambiente. Ieri c’è stato l’ennesimo contatto fra l’imprenditore Giugliano e l’Associazione Nocerini doveva essere l’occasione per trovare un punto d’incontro. L’accordo sembrava vicinissimo ma, a dispetto delle voci trapelate in settimana, non si è ancora giunti ad un’intesa definitiva e non è detto che sarà felice la conclusione delle trattative. Tante le perplessità da parte dei membri dell’Associazione, perplessità legate soprattutto all’aspetto burocratico, con il complicato passaggio del titolo sportivo da Angri a Nocera Inferiore. Si tratterebbe di difficoltà non insormontabili ma capaci di raffreddare, almeno in parte, gli entusiasmi che si erano creati negli ultimi giorni attorno a tale progetto. In ogni caso non c’è grandissima fretta da entrambe le parti. Il 24 Giugno, ultima data disponibile per operare fusioni e cambi di denominazione, è ancora piuttosto lontano; a disposizione c’è ancora un mese di tempo per valutare ogni opportunità e chiudere la faccenda. L’impressione, comunque, è che prima di prendere ogni iniziativa definitiva i membri dell’ente che raccoglie i tifosi rossoneri vogliano vagliare ogni pista. L’aspetto positivo che è emerso, comunque, è che l’Associazione sta progressivamente ingrossando le sue fila; a guidare le trattative sono sempre i membri del direttivo ma accanto a loro si stanno condensando varie forze delle due città. Nelle ultime riunioni si sono visti alcuni dei membri del Comitato per la Salvezza della scorsa estate, come D’Acunzi, Barba e Mandarino, e qualche nuovo imprenditore come Pasquale Gambardella o come Di Nardo, presidente dell’Atletico Nocera che potrebbe mettere a disposizione il suo titolo sportivo per la fusione, Villa e Ferraioli, in passato dirigenti della Casollese. La situazione, comunque, resta in continuo mutamento e nella prossima settimana ci saranno probabilmente ulteriori novità.




Paganese, Trapani: “A breve il nuovo tecnico”

PAGANI. “Abbiamo deciso di prenderci ancora qualche giorno di riflessione prima di comunicare ufficialmente la scelta del nuovo tecnico”. Parola di Raffaele Trapani che di fatto ha rinviato la questione allenatore all’inizio della prossima settimana: “ Come vado dicendo ormai da un po’ di tempo a questa parte vogliamo ponderare bene la scelta del nostro nuovo trainer per la prossima stagione e pertanto abbiamo deciso di  pensarci su ancora qualche giorno prima di prendere una decisione definitiva in merito”. Non è trapelato nulla di nuovo neppure per quanto concerne il budget destinato al calciomercato: “ Finchè non avremo scelto l’allenatore non sarà possibile parlare di queste cose – continua – quindi bisognerà attendere ancora qualche giorno prima di avere un quadro più chiaro della situazione”. Infine sulla convenzione dello stadio Torre: “ Per la prossima stagione non ci sono problemi nel senso che di anno in anno viene rinnovata la convezione con il Comune – spiega Trapani – il punto è che noi vorremmo una convenzione di durata triennale per fare anche dei lavori di primaria importanza come ad esempio quelli riguardanti il manto erboso in struttura sintetica”. Nelle ultime settimane tante cose sono state dette e scritte quindi ma ad una soluzione definitiva ancora non si è arrivati. Da un lato persistono le perplessità sui vari candidati alla panchina anche se in linea di massima Campilongo e Capuano restano ad oggi le ipotesi maggiormente plausibili fermo restando che si dovrà passare per un mercato importante per arrivare a traguardi di un certo tipo. Resta in scia, seppur più defilato, Pino Palumbo che comunque viene considerato come un outsider di lusso dalla dirigenza.

Raffaele de Angelis




Lombardi (Ance Salerno), imprese edili al collasso

“L’evidenza dei numeri non ha bisogno di ulteriori sottolineature. Il dramma dell’emarginazione delle imprese edili dal circuito del credito accessibile e sostenibile e’ ancora in atto. A pagarne le conseguenze sono soprattutto le imprese di piccole dimensioni che costituiscono la stragrande maggioranza del tessuto connettivo della filiera delle costruzioni”: e’ il commento del presidente di Ance Salerno Antonio Lombardi ai dati sul credit crunch nel settore edile. “Siamo costretti a constatare – continua Lombardi – che sul piano concreto si registrano segnali contraddittori, palesando una disomogeneita’ di approccio che varia tra istituto a istituto, con una netta prevalenza di atteggiamenti restrittivi sia sul versante dei nuovi finanziamenti, che dal punto di vista del decisivo fronte della ristrutturazione del debito. Siamo di fronte, quindi, a una chiara e strumentale sottovalutazione del dramma che investe centinaia di imprenditori dell’edilizia in Campania ed in provincia di Salerno”. “Ance Salerno – conclude Lombardi – continuera’ la propria battaglia in tutte le sedi istituzionali al fine di rendere pienamente operativi gli accordi e le intese raggiunte a livello nazionale per rendere piu’ accessibile il credito alle imprese e, soprattutto, per rendere esigibili i crediti vantati nei confronti delle Pubbliche Amministrazioni attraverso le procedure legate alla certificazione che risultano, in maniera ingiustificata, quasi del tutto inapplicate”.




Salerno: abusa di due bimbi di 7 e 5 anni, arrestato pedofilo 67enne

La Squadra Mobile della Questura di Salerno ha tratto in arresto il 67enne salernitano P.M., ritenuto responsabile di gravi episodi di abusi sessuali su minorenni. L’arresto è stato operato in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip presso il Tribunale di Salerno su richiesta della locale Procura della Repubblica. Il provvedimento restrittivo si fonda sulle indagini svolte da personale specializzato della Squadra Mobile che hanno consentito di ricostruire un grave quadro indiziario a carico del pregiudicato.

L’uomo ha abusato di due fratellini, un maschio ed una femmina, approfittando dell’ospitalità ricevuta presso l’abitazione di un amico del figlio. I fatti sono avvenuti negli anni 2009/2010, allorchè i due bambini avevano 7 e 5 anni ma sono emersi solo tempo dopo, sul finire del 2013, dal racconto che i due bambini hanno fatto alla direttrice della casa famiglia cui erano stati affidati per le anomalie comportamentali ed il disagio sociale della famiglia di provenienza.

Il terribile racconto dei bambini, che hanno descritto gli abusi e le successive gravissime minacce ricevute per essere costretti al silenzio, è stato  attentamente riscontrato da un meticoloso lavoro della Procura che si è avvalsa delle competenze della sezione minori della Squadra Mobile e di medici e psicologi specializzati.




Alleanza Esposito-Valiante, Moscatiello: «Matrimonio politico senza futuro»

. «Gli elettori della Destra e della Sinistra traditi da un matrimonio politico senza futuro, siglato nel nome di poltrone ed interessi da parte di forze estranee alla nostra città. Poltrone e promesse come regalo di nozze di un matrimonio combinato da De Luca». Così Giovanni Moscatiello, candidato sindaco uscente, definisce l’alleanza tra Esposito e Valiante in vista del ballottaggio di domenica 8 giugno.

«Ecco chi sono i veri traditori di Baronissi – sottolinea – chi è disposto a tutto, come il Pd,  pur di eliminare il nemico e tradisce i suoi elettori per abbracciare la Destra. Ricordo a tutti i cittadini che fu proprio Cosimato, oggi con Valiante, a cacciare Esposito dal governo nel 2008 facendo cadere l’amministrazione. Oggi si ripropone lo stesso scenario, con il Pd di Valiante che rinnega se stesso e stringe un accordo con la Destra di Esposito alle spalle dei cittadini, senza un programma ma tenuto insieme da interessi di potere. Dopo essersi denigrati ed offesi per tutta la campagna elettorale, oggi si ripropongono insieme sotto la bandiera dell’inciucio, mettendo da parte il bene comune ed il futuro della città».

 

«A quest’inciucio rispondiamo con la volontà di continuare il rinnovamento, di idee e di uomini. Rispondiamo con i 50 alloggi popolari, alcuni dei quali già in costruzione, che verranno assegnati in 5 anni e con un piano sociale che prevede la detrazione totale delle tasse per le famiglie più indigenti. All’interesse particolare di loro due, noi rispondiamo con l’interesse generale della città: il bene comune». 




Nasce in Italia il primo corso di Alta Formazione in Geogiornalismo

Coniugare il giornalismo generalista con la ricerca di metodologie comunicative finalizzate alla comprensione delle problematiche strutturali e contingenti di un territorio, quale presupposto per il suo sviluppo organico; attivare processi comunicativi volti alla maturazione di una consapevolezza culturale complessiva, che coinvolga innanzitutto le comunità locali. Sarà questa la mission dei futuri professionisti della comunicazione geogiornalistica che si formeranno nel primo Corso di Alta Formazione Universitaria italiano specificamente dedicato al GeoGiornalismo.

 

L’iniziativa è nata nel corso del primo congresso nazionale dell’Informazione Turistica da un’idea della Fondazione Alario di Ascea e dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli ed è immediatamente divenuta un progetto concreto patrocinato dall’Ordine dei Giornalisti della Campania.

 

Il bando (già online sui siti web www.unisob.na.it e www.fondazionealario.it) verrà presentato il prossimo 9 Giugno, in occasione dell’apertura delle due giornate di formazione sulla deontologia professionale organizzate dall’Ordine dei Giornalisti della Campania proprio presso la sala convegni della Fondazione Alario ad Ascea (info e prenotazioni su www.odgcampania.it).

 

Presentazione del Corso di Alta Formazione in Geogiornalismo

Formare dei geogiornalisti che maturino gli strumenti metodologici necessari per la comprensione delle dinamiche geostoriche e dei principali processi di sviluppo globale di un territorio, attraverso la ricerca sul terreno e la conoscenza diretta delle fonti di informazione, insieme a una sensibilità cronistica rivolta alle specificità di aree complesse (di cui il Cilento è esempio emblematico). Sarà questo l’obiettivo ambizioso del Corso di Perfezionamento e Alta Formazione in Geogiornalismo diretto dal Rettore dell’Università Suor Orsola Benincasa, Lucio d’Alessandro e dal direttore della Fondazione Alario, Andrea Manzi.

 

Di grande prestigio il comitato scientifico che curerà l’organizzazione didattica del corso, con la presenza di alcune delle firme più prestigiose del giornalismo italiano – come il direttore de “Il Mattino”, Alessandro Barbano, il direttore di Ansa Campania, Alfonso Di Leva, il direttore di Repubblica Napoli”, Giustino Fabrizio, il presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, Ottavio Lucarelli, il direttore del Tgr Campania, Antonello Perillo, il direttore de “Il Corriere del Mezzogiorno”, Antonio Polito, e il consigliere nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, Lino Zaccaria – di illustri esponenti del mondo universitario – come il Preside della Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università Suor Orsola Benincasa, Enricomaria Corbi, il direttore del Centro Interdipartimentale di Economia del lavoro e di Politica Economica dell’Università di Salerno, Adalgiso Amendola, il direttore del Centro di Lifelong Learning dell’Università Suor Orsola Benincasa, Fabrizio Manuel Sirignano – e dei rappresentanti delle istituzioni del territorio, come il presidente della Fondazione Alario, Carmelo Conte e il presidente regionale dell’Associazione Italiana Insegnanti di Geografia (AIIG), Silvia Siniscalchi.

 

L’idea di una futura Agenzia Campana di GeoGiornalismo

Il grande obiettivo di questo ambizioso progetto formativo – spiega Andrea Manzi – è la nascita di un’Agenzia campana di geo-giornalismo multimodale e multimediale per lo sviluppo del territorio regionale che possa divenire nel tempo un Distretto culturale avanzato, capace di coordinare le diverse azioni di sviluppo, con una nuova metodologia di approccio che sappia intendere i territori come sistemi e sia capace di attivare sinergie e collaborazioni tra i diversi settori dell’economia e del lavoro: produttori, addetti ai servizi, amministratori pubblici, imprese, professionisti e, non da ultimo, intellettuali, uomini di cultura, giornalisti e comunicatori”.

 

La struttura didattica del Corso di GeoGiornalismo

Il corso, di durata semestrale, sarà aperto gratuitamente a 50 laureati under 35 preferibilmente in possesso dell’iscrizione all’albo dei giornalisti professionisti o pubblicisti, e sarà articolato con lezioni frontali (previste dal venerdì pomeriggio al sabato fino a Dicembre), incontri con il mondo delle imprese, delle professioni e delle istituzioni del territorio e attività di stage presso redazioni di giornali, emittenti radio-televisive e testate online nazionali e regionali, nonché presso Enti ed Istituzioni leader nel settore della Comunicazione.

 

Iscrizioni aperte fino al 16 giugno. Domanda online sul sito web www.unisob.na.it

 

Info

 

Fondazione Alario

Viale Parmenide

84046 Ascea (SA)

Tel. 0974 971197 – 3939691485

Mail: info@fondazionealario.it

www.fondazionealario.it

 

 

Università degli Studi Suor Orsola Benincasa
Ufficio Stampa e Comunicazione
Dott. Roberto Conte
Tel. 081-2522347
Cell. 380-7123104
ufficiostampa@unisob.na.it

www.facebook.com/conterob

Twitter: @ConteRob




A Vietri sul Mare il Tirrenian Cup 2014

L’estate costiera inizia con un grande evento, il primo di una lunga serie di manifestazioni che nel corso dei mesi estivi animerà le giornate di Vietri sul Mare e delle località vicine.
Protagonisti di questa rassegna saranno i cavalli, i purosangue arabi, che sfileranno e si metteranno a confronto sulle caratteristiche estetiche, un’occasione unica per osservare ed ammirare l’aspetto di questi splendidi equini.
L’evento, che riveste una notevole importanza, è il 5° Tirrenian cup 2014 International b-show E.C.A.H.O – 2° Italian National Championship Straight Egyptian.
La competizione inizierà domani, per continuare domenica per protrarsi fino a lunedì; il concorso B International avrà luogo a Vietri sul Mare, presso il campo sportivo di Marina di Vietri.
I purosangue saranno giudicati da una giuria internazionale; un’ affascinante esperienza accompagnerà i cittadini e gli appassionati per tre giorni di gare ed esibizioni: partendo dalla scuderizzazione dei cavalli, passando per l’inizio delle gare di domani, fino a lunedì 2 giugno, quando, alle ore 16, inizierà il II Campionato Nazionale Italiano Egyptian Event E.C.A.H.O.
Il primo e secondo classificato di ogni categoria si sfideranno nel campionato finale; i primi tre classificati nella finale saranno premiati.
La presenza di pubblico si prospetta consistente, per la rilevanza dell’evento, per l’atmosfera vietrese ormai pronta all’estate e per la curiosità dei cittadini, pronti ad avvicinarsi a questa disciplina, oltre alla presenza di spettatori e di personalità esperte nel campo.
Un’affascinante avventura anche per l’amministrazione comunale, da anni attiva in tutti i campi e che, all’indomani della riconferma elettorale, si appresta a vivere una brillante estate, che renderà Vietri sul Mare e i paesi vicini ancora più vivi e attivi dal punto di vista culturale e turistico; i tre giorni della Tirrenian Cup e dell’Italian National Championship, data la loro importanza, rappresentano un tassello importante per l’esperienza vietrese.

Francesco Barbato 




Nocerina, ore decisive per il titolo dell’Angri

NOCERA INFERIORE. È previsto per oggi l’ennesimo aggiornamento tra l’Associazione Nocerini ed il gruppo di imprenditori interessati a far ripartire il calcio nelle due Nocera. Come già annunciato nei giorni scorsi ci sarà Giuseppe Giugliano, ex presidente dell’Angri, accompagnato dai suoi più stretti collaboratori, Vincenzo Calce e Francesco Vitaglione. Oltre ai tre ex dirigenti grigiorossi ed ai membri dell’associazione saranno presenti anche l’avvocato Giuseppe Mandarino e l’imprenditore Pasquale Gambardella, da tempo vicini all’ente che raccoglie i tifosi rossoneri. L’argomento principale riguarderà la possibilità di portare il titolo sportivo grigiorosso nelle due Nocera, per poi operare successivamente una fusione con una realtà locale ed assumere un nome più consono a rappresentare le due città nel panorama calcistico nazionale. Proprio la possibilità di compiere una fusione con un titolo sportivo già presente nelle due Nocera potrebbe essere un elemento importante per portare vicino alla causa Mario Di Nardo, presidente dell’Atletico Agro, società che si occupa solamente di calcio giovanile. Di Nardo potrebbe mettere a disposizione il suo titolo sportivo e far rientrare le squadre dell’Atletico Agro nel settore giovanile della nuova realtà calcistica. Non dovrebbe presenziare a quest’incontro, invece, l’imprenditore Aniello Pappacena; dopo l’interessamento iniziale l’ex presidente della Sarnese sembra aver allentato la presa, probabilmente non del tutto convinto dal progetto presentato dall’Associazione e dai nuovi ingressi. Negli ultimi giorni si era parlato anche di un ritorno di fiamma di Giovanni Lombardi, ex presidente di Scafatese ed attuale primo dirigente della Casertana; Lombardi ha intenzione di creare un club satellite per i falchetti ma la sua idea di acquisire un titolo di Serie D, quello della Mariano Keller, si scontrerebbe coi regolamenti che impediscono di portare un titolo del massimo campionato dilettantistico fuori dalla provincia di appartenenza. Si tratterebbe, quindi, di una voce priva di fondamento, così come quella di un nuovo interessamento di Spezzaferri che, dopo la retrocessione dell’Aversa Normanna, non ha ancora palesato la sua reale volontà. La soluzione del rebus, comunque, non è ancora del tutto svelata. Bisognerà attendere qualche altra settimana per capire quale sarà il reale destino del calcio nelle due Nocera; di certo, però, l’Associazione si sta muovendo e qualcosa verrà fuori entro il 24 Giugno. Entro quella data, infatti, dovrà essere acquisito il titolo sportivo ed operata la fusione per poter essere almeno ai nastri di partenza del campionato di Eccellenza. Filippo Attianese