2-0 al Messina, la Salernitana si qualifica al terzo turno

Scritto da , 29 ottobre 2014
image_pdfimage_print

di Fabio Setta

SALERNO.  Due gol in cinque minuti e la Salernitana, detentrice della coppa, si sbarazza del Messina si qualifica al turno successivo. Menichini per l’occasione Mounard, Castiglia, Ginestra e Giandonato di cui ormai si erano perse le tracce. Un’occasione per loro per dimostrare quanto Menichini abbia sbagliato a tenerli fuori in questa prima parte di stagione. Ma i ritmi sono quelli classici da coppa Italia, inevitabilmente bassi. La Salernitana mantiene il pallino del gioco, ma raramente crea pericoli. Giandonato si muove molto, prova a inventare qualcosa, così come si batte in avanti Ginestra, sicuramente smanioso di dimostrare il proprio valore. E proprio il cobra, capitano di giornata, al 12’ va vicino al gol su calcio di punizione ma Lagomarsini devia in angolo. Non succede molto, anzi praticamente nulla nei primi 45’ minuti. Mounard non si accende mai e a Mendicino sono davvero pochi i palloni giocabili. Al 31’ si vede anche il Messina: sugli sviluppi di una punizione dopo una sponda di Pepe, l’ex Luca Orlando ci prova in spaccata ma la palla termina alta sulla traversa. Al 37’ si rivede la Salernitana. Angolo di Volpe Bianchi solo soletto impegna il portiere poi sulla ribattuta prima Mounard e poi lo stesso Bianchi non hanno fortuna. A inizio ripresa il ritmo non cambia. Al 51’ ci prova Ginestra dal limite ma la palla termina alta. La squadra di Menichini, in campo con la maglia della Lazio con strisce orizzontali granata staziona nella metà campo del Messina senza però mai accelerare lasciando spazi agli ospiti. Al 61’ Volpe perde palla a centrocampo ma Bortoli e compagni sfruttano in maniera pessima un contropiede in netta superiorità numerica. Al 68’ ci prova Giandonato dai venti metri con palla di poco alta sulla traversa. Con Pestrin e Calil in campo per Volpe e Ginestra, la Salernitana cerca di stringere i tempi. Al 72’ la svolta: su palla vagante in area Marin commette fallo su Colombo. Dal dischetto realizza Calil spiazzando il portiere. Dopo cinque minuti arriva anche il raddoppio che chiude il match: su cross di Franco, Colombo di testa mette in ghiaccio la partita. Dopo quattro minuti di recupero la Salernitana può festeggiare il ritorno alla vittoria dopo due partite.

SALERNITANA-MESSINA 2-0

SALERNITANA (4-3-1-2): Russo; Colombo, Bianchi, Tuia, Franco; Castiglia, Giandonato, Volpe (66’ Pestrin); Mounard (88’ Grillo); Mendicino, Ginestra (70’ Calil). A disposizione: Ronchi, Trevisan, Pezzella, Cappiello. All. Menichini

MESSINA (4-3-3): Lagomarsini; Benvenga, De Bode, Stefani, Marin; Nigro (59’ Damonte), Bucolo, Bortoli (76’ Stampa); Pepe, Orlando (62’ Bjelanovic), Bonanno. A disposizione: Iuliano, Silvestri, Donnarumma, Izzillo. All. Grassadonia

ARBITRO: Fourneau di Roma 1 (Pepe-Vingo)

MARCATORI: 74’ Calil su rigore, 79’ Colombo

NOTE: Spettatori  presenti  894, 50 dei quali provenienti da Messina. Ammoniti: Bonanno (M), Franco (S) . Espulso al 72’ Marin (M). Calci d’angolo 7-0 per la Salernitana. Recupero  1’pt, 4’st

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->